RICARICARE IL CONDIZIONATORE...

L'estate è il periodo giusto per ricaricare il condizionatore, scopriamo perchè, prima della cronostoria che narri la metodologia dell'avvennimento.

Il caldo aiuta e facilita l'assunzione da parte del motore del gas, in quanto a temperature troppo basse il gas non riesce ad essere assunto dalla macchina, quindi questo è il periodo migliore per non trovarsi sprovvisti con queste ondate di calore.

Esistono varie tipologie di Gas refrigeranti: il moderno R32, l'ancora attuale R410 che s'accompagna con l'R407 e il non più utilizzabile R22, mi soffermerei su quest'ultimo, in quanto il suo utilizzo è vietato per le nuove leggi sull'inquinamento e di conseguenza chi è in possesso di un condizionatore che porta questo antiquato gas non potrà più ricaricarlo e quindi, se vorrà ancora usufruire della comodità dell'aria condizionata dovrà sostituirlo.

Come capire che il gas manca o comunque sta per terminare? Nelle foto che scorrono lungo lo slideshow noterete che ce n'è una nella quale gli attacchi dei tubi di rame più piccoli gelano, quello è il segnale decisivo per avvertirvi di eseguire una ricarica.

Anche se i posti sono impervi o complessi si potrà eseguire la ricarica, grazie ad un po' di coraggio ed ad una corretta strumentazione.

Quindi perchè aspettare sempre l'ultimo minuto rischiando di non reperire più facilmente il gas e quindi di dover attendere annaspando ed ansimando nei propri saloni ossessionati dal caldo torrido?

Chiamateci e risolveremo il problema in poco tempo e sarete di nuovo sollevati con la cara, vecchia, maglia della salute a godervi il fresco alla temperatura che più vi allieta...

Post in evidenza
no-posts-feed.on-the-way
no-posts-feed.stay-tuned
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

© 2017 di Termoidraulica Mari